Menu

Coin-op

Mame & C.

X-Lab

Giochi On Line

Siti Consigliati

 


Gratis Ok

Sito segnalato da Freeonline.it

Alimentatori per Coin-op

I coin-op richiedono, per il loro funzionamento, diverse tensioni continue ed alternate. Tra un apparecchio e l'altro possono esserci delle differenze ma, la tabella che segue, mostra, in modo completo, le tensioni richieste per la maggior parte degli apparecchi.

Tensione (volt) 

Tipo

Note

+ 5 

DC

Alimenta tutti i circuiti integrati digitali della scheda logica dai microprocessori alle memorie ROM e RAM. E' il ramo dell'alimentatore più importante e richiede un valore molto preciso e una corrente piuttosto elevata. 

+ 12

DC

Alimenta l'amplificatore audio di potenza che su trova sulla scheda logica e che pilota l'altoparlante. Questa tensione non è critica: l'audio può funzionare con tensioni più basse o più alte di qualche volt. Viene progettato per erogare almeno 2 ampere ma si solito difficilmente di supera l'assorbimento di un ampere.

- 5

DC

 Questa tensione è fornita in genere dall'alimentatore ma viene utilizzata solo su rare schede in cui alimenta, insieme ai +5volt, il preamplificatore ad integrati operazionali che pilota l'amplificatore audio di potenza. 

6

AC

 E' una tensione alternata che accende le lampadine ad incandescenza poste nello sportello delle gettoniere. 

117 o 128 o 220

AC

 Tensione alternata che di solito viene prelevata da una presa intermedia del trasformatore e fornisce l'energia all'alimentatore che si trova all'interno del monitor.  

220

AC

 Derivata direttamente dalla tensione di rete, alimenta la luce al neon posta nella testata del videogioco.  I 220 volt vengono utilizzati  anche per alimentare la bobina di degauss per una attimo, quanto basta a smagnetizzare il tubo catodico. 

Alimentatore per coin-opTutte queste tensioni, in genere, vengono ricavate da un solo alimentatore pluritensione. Le tensioni alternate sono ottenute dal trasformatore con prese intermedie. Le tensioni continue si ottengono da distinti circuiti di stabilizzazione posti sulla stessa scheda elettronica. I circuiti sono dimensionati a seconda della corrente richiesta per ogni valore di tensione prevista. Il circuito di stabilizzazione dei 5 volt positivi, quello che alimenta la scheda logica, è, ovviamente, quello progettato per erogare più corrente. I vecchi alimentatori erano del tipo lineare e richiedevano un grande trasformatore e grosse alette di raffreddamento. Gli alimentatori più recenti utilizzano la tecnologia switching e, a parità di corrente e quindi di potenza erogata, consumano meno e richiedono un trasformatore e delle alette di raffreddamento molto ridotte. Questo ha permesso di ridurre le dimensioni, i costi ed aumentare l'affidabilità degli alimentatori in quanto l'alta temperatura è uno dei maggiori fattori che provocano i guasti.

Alimentatori Jamma

A sinistra un vecchio alimentatore lineare per coin-op, a destra uno più recente switching (a commutazione) capare di erogare una corrente doppia rispetto al primo.